Simone Ciferni, un ragazzo originario di Lollove, che ha avuto l’intuizione di far rivivere un piccolo borgo destinato all’abbandono facendo riscoprire le tradizioni sarde e il modo di vivere locale puntando su una forma di turismo slow,  sostenibile e detox.